/, Eventi Politica Personaggi, Medioevo, Storia Moderna/Non Solo Uomini: le più Grandi Piratesse della Storia

Non Solo Uomini: le più Grandi Piratesse della Storia

Anne Bonny, una delle più celebri piratesse della Storia,in un ritratto artistico

Anne Bonny, una delle più celebri piratesse della Storia,in un ritratto artistico

Nonostante la navigazione, di qualsiasi tipo, sia stata per secoli interdetta al gentil sesso, non sono mancate donne temerarie e controcorrente capaci di sfidare leggi e convenzioni della loro epoca, riuscendo a ritagliarsi un posto di primo piano in settori ad esclusivo appannaggio degli uomini, compreso il mondo brutale e affascinante della pirateria.

Visse nel V secolo Alwilda, la prima donna pirata di cui abbiamo notizie; figlia del sovrano scandinavo Synardus, ebbe l’ardire di rifiutare il matrimonio con l’uomo cui era stata promessa, il principe Alf, preferendo salire su una nave vestita da uomo alla volta del Baltico.

Nel caso di Alwida la storia si mescola alla leggenda non consentendoci di stabilire un netto confine tra biografia e invenzione, ma sembra che la ragazza, dopo essere diventata il capitano di una flotta di pirati ed aver fatto razzia di numerose imbarcazioni, fu stanata proprio da Alf, che alla fine sposò.

Circa dieci secoli dopo le avventure di Alwida, le acque del Nord Europa sperimentarono l’impeto e il coraggio di un’altra piratessa, Grace O’Malley (1530-1603), irlandese; braccata dagli inglesi e messa alle strette, la giovane donna si accordò con Elisabetta I, scegliendo di smettere l’attività che l’aveva resa nota e ricca in cambio di un buon vitalizio.

Figlia illegittima di un avvocato irlandese che per evitare possibili scandali la vestì da uomo e la portò con sé nelle Americhe, Anne Bonny divenne bucaniera per amore, cioè dopo aver iniziato una relazione con il pirata Calico Jack; nel 1720 alla banda si unì anche Mary Read, la cui storia personale era molto simile a quella di Anne e i tre depredarono insieme numerose navi nei mari caraibici, finché non vennero catturati e condannati a morte.

Entrambe le piratesse tuttavia riuscirono a salvarsi: erano incinte e per questo venne loro risparmiata l’impiccagione (Foto da: paperdroits.com).

Ritratto fantasioso di Anne Bonny, Mary Read e Calico Jack

Ritratto fantasioso di Anne Bonny, Mary Read e Calico Jack

 

 

 

 

About the Author:

6 Comments

  1. Stefano maggio 17, 2014 al 2:49 pm - Rispondi

    Mi sa che le “piratesse” sopravvivono tutt oggi……….infatti esiste il “matriarcato”…..e sono belle toste!!ciao

    • Maria Paola Macioci maggio 17, 2014 al 6:09 pm - Rispondi

      Potrebbe essere…ciao 🙂

  2. how to sing really good dicembre 12, 2014 al 6:11 am - Rispondi

    I’ve been exploring for a little for any high quality articles or weblog posts on this sort of space
    . Exploring in Yahoo I eventually stumbled upon this website.
    Studying this information So i’m satisfied to exhibit that I have an incredibly excellent
    uncanny feeling I found out exactly what I needed. I so much
    unquestionably will make certain to do not omit this website and give it a look regularly.

    • Maria Paola Macioci dicembre 12, 2014 al 5:23 pm - Rispondi

      Thanks for the compliments and the positive view on my blog. Continue to follow me!

  3. voice coaches dicembre 13, 2014 al 12:15 am - Rispondi

    bookmarked!!, I really like your blog!

    • Maria Paola Macioci dicembre 13, 2014 al 12:17 am - Rispondi

      Thanks! 😉

Scrivi un commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: