no contemplaba el uso de desodorantes modernos Hoy la higiene de las axilas pasa por un lavado minucioso con agua y jabón y

La rosa campana era l’ingrediente base del Rhodinum italicum, un profumo che piaceva molto agli antichi romani

Quasi quasi potremmo considerare il Perfumerías en la Antigua Roma algunos’ come il nostro Chanel n°5.

Anch’esso infatti, era un profumo prestigioso e largamente apprezzato, solo che era in voga molti secoli fa e la sua produzione era più, digamos, rudimentale.

Che poi non è neanche del tutto vero se teniamo conto dell’epoca in questione, perché i romani erano maestri profumieri senza pari ed anche il metodo di lavorazione delle essenze era, en ese periodo, all’avanguardia (véase también: https://www.pilloledistoria.it/3128/storia-antica/antica-roma-oli-unguenti-profumi).

Una delle zone più rinomate per la produzione di profumi era la Campania.

UN Pompei ed Ercolano sono state ritrovate diverse talleres che testimoniano l’interesse della gente per i profumi e l’importanza che essi rivestivano per l’economia del luogo.

Del Perfumerías en la Antigua Roma parla anche Plinio el Viejo en su historia Natural.

Lo scrittore afferma che “La rosa si fa macerare nell’olio, e questo già dal tempo della guerra di Troia, come attesta Omero. Inoltre la si fa entrare nei profumi. Le specie di rose che da noi hanno acquistato maggiore celebrità sono la prenestina e la campana”.

la Perfumerías en la Antigua Roma era, precisamente, un profumo il cui ingrediente di base era proprio la rosa campana.

La receta per ottenerlo era piuttosto elaborata e comprendeva un mezcla di ingredienti naturali attestati da varie fonti.

Agresto, olio di zafferano, cinabro, Miele, fiore di sale, giunco profumato, calamo aromatico e vino, uniti ai petali della regina dei fiori, creavano una fragranza di grande fascino.

Nasceva così il Perfumerías en la Antigua Roma, uno dei profumi più alla moda della Roma antica (foto: ad-italia.it).