Philip the Good

Anonymous portrait of Philip the Good, Duke of Burgundy. He was a cultured man, intelligent and full of virtue, ma anche esageratamente vanitoso

L’story che racconto in questo post è alquanto significativo per rendere l’idea della vanità di Filippo il Buono (1396-1467) e di cosa potesse arrivare a fare una persona di potere qualche secolo fa.

Filippo III duca di Borgogna, say the good, fu un uomo colto, amante delle arti e delle lettere, intelligente e dotato di un fiuto politico non comune ma, come tutti del resto, aveva i suoi difetti.

Le cronache ce lo descrivono amante del fasto, dedito ai piaceri della carne e molto vanitoso.

Diciamo pure esageratamente vanitoso.

Ecco cosa fece.

A causa di una malattia il duca, ad un certo punto della sua vita, fu costretto a radersi completamente i capelli.

Evidentemente non doveva piacersi troppo e temeva di sfigurare in mezzo agli altri.

So it was that in 1461 ordinò a tutti i nobili delle sue terre di raparsi i capelli a zero, proprio come lui.

Non tutti però obbedirono: qualcuno si rifiutò di eseguire una disposizione che dovette sembrare, e in effetti era, una ingiusta imposizione.

I ribelli però, pagarono il loro coraggio addirittura con il prison (photo: alamy).