///Budino alla Napoletana (dall’Artusi)

Budino alla Napoletana (dall’Artusi)

Artusi

Dolci: budino alla napoletana secondo Artusi

I dolci più buoni non hanno tempo, come questo Budino alla napoletana tratto da “La scienza in cucina e l’arte di mangiar bene”, ricettario ottocentesco di grande successo scritto da Pellegrino Artusi.

Se volete provarlo, il procedimento lo trovate di seguito.

Cito testualmente:

“Cuocete del semolino in tre bicchieri di latte, badando che non riesca troppo sodo.

Ritirato dal fuoco dosatelo con zucchero, una presa di sale e l’odore della scorza di limone; quando non sarà più bollente, aggiungete tre rossi d’uovo e due chiare, mescolando il tutto ben bene.

Prendete una teglia di rame di mezzana grandezza, ungetela col burro o col lardo e rivestitela di una sfoglia di pasta frolla grossa uno scudo.

Versate nella teglia un terzo del semolino e spargete sopra il medesimo, a qualche distanza l’uno dall’altro, dei pezzetti o cucchiaini di conserve di frutta diverse, quali sarebbero lampone, cotogne, albicocche ecc; sopra questo primo strato ponetene un secondo ed un terzo sempre rifiorendoli delle dette conserve.

Ricoprite il disopra del budino con una sfoglia della stessa pasta e inumidite gli orli con un dito intinto nell’acqua perché si attacchino fra loro.

Fategli qualche ornato, doratelo con rosso d’uovo e cuocetelo al forno.

Quando lo sformate, spolverizzatelo di zucchero a velo e servitelo freddo.

Alle conserve si può sostituire uva sultanina e candito a pezzetti” (Foto da: lacucinaeconomica.blogspot.it).

About the Author:

Scrivi un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: