A morte de Nero

Morte di Nerone

Gli ultimi istanti di vita di Nerone raccontati dalla penna di Svetonio descrivono aspetti grotteschi in piena sintonia con il personaggio, mas também de dicas dignidade, culminate in un suicídio, embora, de acordo com historiador, Foi mais devido ao medo de coragem.

Este é o parte finale del racconto dello scrittore-biografo:

“Dato che ciascuno dei suoi compagni lo invitava a sottrarsi senza ritardo agli oltraggi che lo attendevano, ordinò di scavare dinanzi a lui una fossa lunga quanto il suo corpo, di disporre intorno a essa alcuni pezzi di marmo se si riusciva a trovarli e di portare acqua e legna per rendere fra breve gli ultimi onori al suo cadavere. A ognuno di questi preparativi piangeva e ripeteva continuamente: <Quale artista perirà con me!>” “Domandò allora quale fosse questo genere di supplizio e gli riferirono che il condannato veniva spogliato, gli si passava la testa in una forca e lo si batteva con le verghe fino alla morte. em seguida, spaventato, prese due pugnali che aveva portato con sé, ne provò successivamente le punte e poi li rimise nel loro fodero protestando che l’ora segnata dal destino non era ancora arrivata”.

Quando udì lo scalpitio dei cavalli degli uomini che si avvicinavano per catturarlo, pronunciò in greco un celebre verso dellIliade: “<il galoppo dei cavalli dai rapidi piedi colpisce le mie orecchie>. Poi si piantò una lama nella gola con l’aiuto di Epafrodito, l’uomo addetto alle suppliche.

E infine:

“Respirava ancora quando irruppe un centurione e, come per soccorrerlo, gli applicò il suo mantello sulla ferita. Nerone gli disse semplicemente: <E’ troppo tardi>, e novamente: <Questa è fedeltà>. Pronunciando queste parole spirò e i suoi occhi, prominenti e fissi, presero una tale espressione che ispiravano orrore e spavento a chi li guardava”.

Fu questa la fine, a tratti persino amaramente comica, dell’Imperatore che per anni aveva terrorizzato Roma e i romani con le proprie manie (foto da: corriere.it).