///Ancora sul Bucato nell’Antichità…

Ancora sul Bucato nell’Antichità…

Bucato…qualche tempo fa

Nei secoli scorsi fare il bucato non era né scontato né facile, poiché la mancanza di acqua nelle abitazioni costringeva a recarsi presso le fontane pubbliche, una scomodità cui si aggiungeva l’alto costo del sapone, che le famiglie meno abbienti facevano fatica a comprare.

Ecco perché sfoggiare abiti e biancheria intima puliti fu, a lungo, un privilegio per nobili e ricchi, e neppure sempre, basti pensare alla sporcizia che imperava nella magnifica corte di Versailles nel ‘700 (http://www.pilloledistoria.it/1569/storia-moderna/versailles-splendore-sporcizia).

Per spendere meno, soprattutto fra i ceti popolari, per molto tempo al posto del sapone si usò il ranno, un detergente fatto in casa con cenere o urina.

La costruzione delle condutture nel XIX secolo comportò una maggiore disponibilità di acqua per le persone, ma per giungere ad un livello di igiene personale quotidiana davvero soddisfacente, bisognerà attendere il ‘900 (Foto da: georgianagarden.blogspot.it).

By |2017-02-14T01:09:48+00:00febbraio 14th, 2017|Società Costumi Vita quotidiana, Storia Moderna|0 Commenti

About the Author:

Scrivi un commento

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: