///Cucina Rinascimentale: la Strana Pizza di Bartolomeo Scappi

Cucina Rinascimentale: la Strana Pizza di Bartolomeo Scappi

Illustrazione dell'Opera dell'arte di cucinare di Bartolomeo Scappi. Nel ricettario si parla anche di una "pizza" molto diversa da quella che conosciamo oggi

Illustrazione dell’Opera dell’arte di cucinare di Bartolomeo Scappi. Nel ricettario si parla anche di una “pizza” molto diversa da quella che conosciamo oggi

Nella sua celebre Opera dell’arte di cucinare (1570), il grande cuoco rinascimentale Bartolomeo Scappi cita e propone la ricetta di una “pizza” (è proprio lui a definirla con questo nome riferendolo a Napoli: “da’ napoletani detta pizza”), che ben poco, o diciamo pure nulla, ha a che vedere con quella che noi oggi conosciamo ed apprezziamo.

Evidentemente questa sorta di pasta un po’ laboriosa nel procedimento e preparata con un mix di ingredienti per noi inusuale, rispondeva bene a quelli che erano i dettami della gastronomia cinquecentesca, nella quale amalgama e agrodolce trovavano largo impiego, ma difficilmente sarebbe proponibile (e mangiabile) oggi.

Per fare la pizza secondo la ricetta di Scappi, occorrevano mandorle, uva passa, pinoli, datteri e fichi da pestare tutti insieme in un mortaio con l’aggiunta di acqua di rose, fino a creare un impasto omogeneo.

Ad esso venivano poi aggiunti rossi d’uovo, polvere di cannella, zucchero, mostaccioli napoletani ridotti in finissime briciole e ancora un po’ di acqua di rose.

Il tutto veniva mescolato a formare una pasta dello spessore di circa un dito e infornato in una tortiera preventivamente unta con burro.

Su questa “base”, si poneva cibo di vario tipo (Foto da: italianways.com).

 

About the Author:

Scrivi un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: