L’Orrore della Vandea

Combattente della Vandea

Combattente della Vandea

Posto di seguito un articolo critico che tempo fa scrissi per il portale notizie.it sulla strage della Vandea, una delle pagine più sanguinose della Rivoluzione Francese, da molti storici considerata il primo genocidio di epoca moderna.

Buona lettura.

 

Simbolo dei combattenti vandeani

Simbolo dei combattenti vandeani

Quando studiai per la prima volta la Rivoluzione Francese a scuola, alle Elementari, sentii da subito un certo stridore tra il tono entusiasta e gioioso della maestra nel raccontare i fatti, e i fatti stessi; mi chiedevo come fosse possibile parlare di giudizi sommari, teste mozzate, cadaveri ammucchiati e soprusi di ogni genere, come si fosse trattato di una grande festa nazionale in cui tutti si volevano un gran bene.
“E la violenza, le stragi, gli orrori”? chiedevo.

Mi si spiegò che si trattava di “cattivi”, gente che se lo meritava, traditori, mangiapane a tradimento nel migliore dei casi, persone da eliminare, insomma.

Sconcertante.

Ed è ancor più sconcertante, a mio parere, che questo sia, in fondo, il pensiero che a tutt’oggi molti continuano ad avere nei confronti di un evento storico sì di fondamentale importanza per quella che sarebbe divenuta l’Europa moderna, ma al tempo stesso totalmente antitetico nei fatti e nella pratica a quei medesimi principi di libertà, uguaglianza e fraternità che propugnava, ma che per primo tradì, e nel peggiore dei modi.

Eppure questo non si dice quasi mai, o al massimo si sussurra con un certo timore, come se si trattasse di qualcosa di marginale o poco rilevante o addirittura necessario ad imporre le nuove idee.

Ecco il punto, imporre.

Quasi tutti gli uomini, le donne e persino i bambini ghigliottinati durante il Terrore, erano innocenti sulla cui testa non pendeva alcun reato, tranne quello di avere delle idee e di volerle osservare e perseguire anche se contrarie a quelle che si volevano loro imporre dall’alto.

Nessuno dei capi rivoluzionari cercò mai il dialogo o una parvenza di discussione con coloro che, ed erano tanti, non condividevano quei principi che avrebbero finito per cambiare il volto alla Francia e non solo, preferirono torturare, massacrare, eliminare senza distinzioni e senza pietà ogni “ostacolo”, usando valori sacrosanti e pienamente condivisibili a pretesto delle nefandezze perpetrate contro cittadini inermi e avversari politici.

I capi rivoluzionari non erano affatto filantropi, ma astuti, ambiziosi e sanguinari despoti, abilissimi nello sfruttare il legittimo malcontento popolare per fini non solo puliti e non solo universali; gli oppositori, i nemici, i “cattivi” da togliere di mezzo erano, in fondo, tutti coloro che stavano dall’altra parte, quelli che osavano dissentire, uomini e donne di idee diverse, magari antitetiche, ma non per questo senza ragione di esistere.

Ho sempre pensato che l’orrore, l’arbitrio e il sopruso non abbiano colore politico, e purtroppo non esiste schieramento, bandiera, ideologia o istituzione che, nel corso della Storia, non si sia macchiata di gravi crimini.

Compresi i rivoluzionari francesi.

La Vandea era una regione occidentale in cui vigeva una società prettamente contadina, cristiana e realista; la miccia che portò allo scoppio della guerra civile fu la ribellione dei vandeani nei confronti di uno Stato che aveva continuamente bisogno di reclutare dalle campagne giovani da mandare al fronte, che così venivano tolti alle famiglie e al lavoro dei campi, messo già a dura prova da tasse inique e continue carestie.

Combattendo sotto l’insegna del Sacro Cuore, i vandeani, coraggiosi e idealisti ma inferiori per numero ed equipaggiamento, furono letteralmente massacrati dalle “fraterne” truppe parigine, finché non ne rimasero stramazzati al suolo oltre 117.000.

Fu il primo genocidio della Storia moderna.

A colpire non è solo il numero impressionante di vittime, ma anche i metodi di sofisticata e inaudita crudeltà usati per uccidere: gruppi di persone vennero legate e imbarcate su zattere fatte in seguito affondare, altri furono gettati dalla sommità delle mura cittadine, dai grassi corporei di alcuni cadaveri, si dice, fu ricavato sapone.

Roba da fare invidia ai peggiori nazisti (Foto da: youtube.com e sullanotizia.com).

By | 2016-07-04T17:26:28+00:00 luglio 4th, 2016|Eventi Politica Personaggi, Storia Moderna|2 Comments

About the Author:

2 Comments

  1. attikus luglio 5, 2016 al 8:02 am - Rispondi

    io, invece, rimasi molto colpito dal genocidio della ‘notte di San Bartolomeo’ da cui, ricordo, iniziò a nascere la convinzione che il cattolicesimo fosse una religione sanguinaria e traditrice

    • Maria Paola Macioci luglio 5, 2016 al 2:01 pm - Rispondi

      La notte di San Bartolomeo è una pagina tragica del ‘500 in effetti (Cattolici contro Ugonotti), ma le motivazioni (come sempre) furono più politiche che religiose. Nella Vandea invece, furono i cristiani cattolici ad essere massacrati. Ognuno ha i suoi martiri purtroppo.

Scrivi un commento

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: