/, Roma, Società Costumi Vita quotidiana, Società Costumi Vita quotidiana, Storia Antica/Curare i Postumi di una Sbornia nell’Antichità? Cavoli per i Greci, Polmone di Pecora e Uova di Civetta per i Romani

Curare i Postumi di una Sbornia nell’Antichità? Cavoli per i Greci, Polmone di Pecora e Uova di Civetta per i Romani

Un banchetto nell'Antica Roma. La sbornia era all'ordine del giorno

Un banchetto nell’Antica Roma. La sbornia era all’ordine del giorno

Nell’antichità ogni popolazione precedeva i suoi rimedi per curare i postumi di una sbornia, alcuni decisamente bizzarri, almeno a giudicarli con il metro di oggi.

I Romani, che come è noto erano assai goderecci ed amavano fin troppo i piaceri della tavola, erano soliti accompagnare i pasti con una abbondante quantità di vino, il che si traduceva spesso in una solenne ubriacatura.

A dir poco singolari le ricette consigliate da Plinio il Vecchio ai suoi concittadini per riprendersi in fretta: secondo il grande scrittore infatti, il polmone di pecora arrostito e le uova di civetta fatte macerare nel vino per tre giorni, erano un vero toccasana.

Altrimenti ci si poteva affidare, sempre secondo Plinio, ad una collaudata ricetta propria degli Assiri, ovvero cenere di becco di rondine tritata mescolata a vino e mirra.

Più credibile e senza ingredienti che sembrano tratti da un manuale di stregoneria il sistema dei Greci: dopo una sbornia, essi depuravano l’organismo bevendo molta acqua e mangiando cavoli (Foto da: storiaefantasydotcom1.wordpress.com)

 

About the Author:

Un commento

  1. L.eeA.nn M. B.atross agosto 28, 2017 al 8:31 pm - Rispondi

    WHY IS THERE A HUGE DOPE SMOKIN’ BIC LIGHTER IN THE MIDDLE OF THIS ANCIENT FRESO?
    HAHAHAHAHA

Scrivi un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: