Donna dell'Antica Grecia con un incenso. Teofrasto ci dà informazioni sui profumi in Grecia

Donna dell’Antica Grecia con un incenso. Teofrasto ci dà informazioni sui profumi in Grecia

Il libroSugli odoridel filosofo e botanico greco Teofrasto (IV-III secolo a.C.), è una preziosa fonte di informazioni e curiosità sul mondo dei profumi nell’Antica Grecia.

Da esso apprendiamo, inter alia, quanto essenze e profumi fossero tenuti in grande considerazione, all'epoca, sia perché usati durante la celebrazione dei culti, sia per la cura e la bellezza del corpo, di cui costituivano un importante ed irrinunciabile complemento.

I Greci, soprattutto coloro che appartenevano ai ceti più abbienti, dedicavano grandi attenzioni all’aspetto fisico e all’igiene personale, abitudine che in seguito fu fatta propria anche dai latini.

Quell’embrionale sistema di distillazione già sperimentato in Egito, venne perfezionato dai più esperti profumieri dell’Antica Grecia, capaci di ideare e dar forma a profumi che potremmo definire “moderno”.

Le fragranze più amate, cita sempre Teofrasto, eles eram incenso, mirra, nardo, cardamomo, manjerona, laurel, iris e cassia, erbe ed estratti naturali da cui nascevano incantevoli fragranze (foto da: elianaprofumi.it).