La Modestia di Virgilio

Publio Virgilio Marone

Publio Virgilio Marone

A riprova del fatto che umiltà e modestia vanno spesso di pari passo con la grandezza umana ed intellettiva, ecco cosa scrive l’immenso poeta Virgilio in una lettera indirizzata all’Imperatore Augusto su Enea, personaggio principale dell’Eneide, il suo capolavoro:

Sul mio Enea, per Ercole, se avessi composto qualcosa degno delle tue orecchie, te lo invierei volentieri, ma il lavoro è così allo stato iniziale che mi sembra di essermi dedicato a un’opera tanto impegnativa, quasi con incapacità intellettuale”.

La testimonianza è dello scrittore latino Macrobio (Foto da: wikipedia.org).

 

About the Author:

Scrivi un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: