Il Fantasma di Anna Bolena

Anna Bolena raffigurata in una scultura. Dal '500 a oggi, si contano numerose "apparizioni" del fantasma di Anna Bolena

Anna Bolena raffigurata in una scultura. Dal ‘500 a oggi, si contano numerose “apparizioni” del fantasma di Anna Bolena

Che ci si creda o meno, storie, aneddoti e curiosità sui fantasmi fanno parte di ogni cultura e appartengono alla tradizione popolare di tutte le genti.

Quello di Anna Bolena, sfortunata seconda moglie di Enrico VIII, è forse il fantasma più famoso d’Inghilterra: da secoli ormai, esso viene avvistato, corredato di testa o meno, nei tetri corridoi della Torre di Londra, dove la donna fu tenuta prigioniera prima di essere decapitata il 19 Maggio del 1536 per ordine del fedifrago consorte, già soggiogato dalle grazie di Jane Seymour, che sposerà di lì a pochi giorni.

Anche se realmente intrigante e priva di scrupoli sotto molti aspetti, Anna era di sicuro innocente di fronte all’accusa di incesto, adulterio, stregoneria e alto tradimento, vere e proprie invenzioni create ad arte dal perfido Enrico e da una parte del suo entourage per toglierla di mezzo (http://www.pilloledistoria.it/4621/storia-moderna/processo-condanna-morte-anna-bolena); forse il senso di colpa e un briciolo di rimorso per aver mandato a morte la madre di sua figlia minore Elisabetta, provocarono al monarca la visione, da lui stesso in seguito ammessa e raccontata, di una Bolena vagante per le stanze del palazzo reale con la propria testa sotto il braccio.

Non si contano, da allora, le frequenti e inquietanti “apparizioni” della regina, che nel 1864 provocò addirittura lo svenimento di una guardia e nel 1960 si intrattenne a chiacchierare amabilmente con il canonico e studioso della famiglia Tudor William Sandford Pakenham Walsh.

A tutt’oggi c’è chi giura di vedere e sentire nelle buie notti londinesi, il fantasma di Anna Bolena gironzolare fra le stesse stanze in cui la giovane visse gli ultimi drammatici giorni della sua breve esistenza (Foto da: wikipedia.org).

 

 

 

About the Author:

Scrivi un commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: