///I Mille di Garibaldi: Ecco chi Erano

I Mille di Garibaldi: Ecco chi Erano

I Mille sbarcano a Marsala

I Mille sbarcano a Marsala

Avremo parlato o sentito parlare un’infinità di volte della spedizione dei Mille, di sicuro uno degli eventi più conosciuti della nostra storia, eppure quanti di noi sanno dare un volto o almeno un nome a questi uomini (e una donna) coraggiosi, che svolsero un ruolo determinante per le sorti del nostro Paese?

Pochissimi, probabilmente.

Animata da questa curiosità sono andata alla ricerca di notizie a riguardo, ed ora ho un quadro più preciso di quelle memorabili giornate.

Ecco cosa ho scoperto.

La maggior parte delle Giubbe Rosse apparteneva a ceti sociali medio-alti; tra loro c’erano ben 250 avvocati, 100 medici, 20 farmacisti, 50 ingegneri, qualche commerciante e diversi capitani di navi, sebbene non mancassero artisti, pittori e scultori soprattutto, studenti universitari e un gruppo scelto di 59 Carabinieri genovesi armati di carabine.

Del gruppo faceva parte anche qualche prete e addirittura una donna, la temeraria savoiarda Rosalia Montmasson, moglie del politico Francesco Crispi, che per partecipare alla spedizione fu costretta a mimetizzarsi indossando abiti da uomo.

In gran parte, i Mille provenivano dal Nord Italia.

Il cappellano militare era Alessandro Gavazzi, che in seguito si sarebbe convertito diventando protestante.

Infine, forse non tutti sono a conoscenza del fatto che a seguito della spedizione, a bordo del suo panfilo in qualità di “reporter”, c’era lo scrittore francese Alexandre Dumas, che poi avrebbe raccolto impressioni, fatti, appunti di quella gloriosa esperienza nel libro del 1860, I Garibaldini (Foto da: erepublik.it)

 
By | 2015-02-20T00:51:52+00:00 febbraio 20th, 2015|Eventi Politica Personaggi, Storia Contemporanea|2 Comments

About the Author:

2 Commenti

  1. Augusto Marinelli aprile 29, 2016 al 1:24 pm - Rispondi

    Buon commento, ad ulteriore smentita della favola inventata dai neoborbonici sui Mille quali “avanzi di galera”.

    • Maria Paola Macioci aprile 29, 2016 al 10:29 pm - Rispondi

      Ciao.
      In realtà, e cmq dovrò prima o poi trattare l’argomento visto anche “dall’altra parte”, dubbi su certi aspetti dell’impresa restano e meritano di essere approfonditi. Tornerò sull’argomento 🙂

Scrivi un commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: