////Pena di Morte nell’Antica Roma: “Damnatio ad Bestias”

Pena di Morte nell’Antica Roma: “Damnatio ad Bestias”

Pena di morte a Roma: damnatio ad bestias (mosaico)

Pena di morte a Roma: damnatio ad bestias (mosaico)

La pena di morte nell’Antica Roma veniva applicata con inaudita ferocia e con assoluta regolarità: difficilmente chi violava le leggi statali o divine riusciva a trovare scampo.

Il campionario di supplizi previsto in caso di gravi reati era roba da far accapponare la pelle solo a pensarci: fuoco, acqua o pietre, ogni mezzo era lecito per infliggere al reo la giusta punizione, fra le quali una delle più strazianti e crudeli in assoluto era la cosiddetta damnatio ad bestias, che consisteva nel far divorare vivi i malcapitati da bestie feroci.

Introdotta nel II secolo a.C, la damnatio ad bestias era considerata una delle pene più scenografiche e belle a vedersi, tanto da riuscire sempre ad interessare un folto pubblico, che per non perdersi lo spettaccolo accorreva in massa presso l’anfiteatro, dove il condannato, di lì a poco, sarebbe stato orrendamente massacrato da leoni e tigri.

Era questa la forma di condanna a morte prevista per gli schiavi ribelli, che spesso si arrendevano ad un infarto fulmineo dovuto al terrore, prima ancora di venire dilaniati dagli animali (Foto da: wikipedia.org).

 

By | 2014-12-20T00:32:35+00:00 dicembre 20th, 2014|Roma, Società Costumi Vita quotidiana, Storia Antica|0 Commenti

About the Author:

Scrivi un commento

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: