////Antichi Romani in Viaggio: la Moda

Antichi Romani in Viaggio: la Moda

La "paenula", mantello da viaggio degli antichi romani

La “paenula”, mantello da viaggio degli antichi romani

Come vestivano gli antichi romani per viaggiare?

Consideriamo innanzitutto che il viaggio, in epoche remote, non era sempre piacevole e divertente come può esserlo oggi, poiché i mezzi a disposizione erano quelli che erano, e spesso occorrevano intere giornate, magari da trascorrere sotto la pioggia battente o il sole cocente, per raggiungere mete relativamente vicine.

I romani, pragmatici in ogni aspetto della vita, utilizzavano all’occorrenza un apposito abbigliamento da viaggio, studiato per consentire massima comodità durante il percorso e ampia libertà di movimento.

Per affrontare i viaggi più lunghi e stressanti l’indumento tipico era la laena, una tunica corta alla quale si aggiungeva, nei mesi più freddi, la paenula (in foto) o caracalla talaris con cucullus, un ampio e avvolgente mantello in lana pesante dotato di cappuccio, indispensabile per ripararsi da freddo, pioggia e vento.

Per i viaggi estivi si indossava un cappello a larghe tese per proteggersi dai raggi del sole e dall’afa.

Le scarpe da viaggio erano solitamente basse, chiuse e allacciate con stringhe intorno alle caviglie.

Le “valigie” dei romani altro non erano che robuste bisacce di pelle o di stoffa, che venivano appese alla sella del cavallo o del mulo, gli animali con cui ci si spostava, invece il marsupium era una borsa di piccole dimensioni che veniva attaccata alla cintura e che serviva a contenere monete o, a volte, i gioielli (Foto da: ubioryhistoryczne.blox.pl).

By |2014-10-27T21:57:49+00:00ottobre 27th, 2014|Roma, Società Costumi Vita quotidiana, Storia Antica|0 Commenti

About the Author:

Scrivi un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: