///Il Bucato tra il ‘500 e il ‘600

Il Bucato tra il ‘500 e il ‘600

Il momento del bucato qualche tempo fa

Il momento del bucato qualche tempo fa

Nell’Europa tra il ‘500 e il ‘600 il bucato costituiva un momento importante e piuttosto frequente delle normali pratiche igieniche, un’incombenza di cui si occupavano le donne di casa o le lavandaie specializzate.

In ogni caso si trattava di un lavoro faticoso, quasi sempre svolto presso le fontane pubbliche o vicino ai corsi d’acqua, utilizzando varie tecniche per lavare e smacchiare gli indumenti.

Ammoniaca, crusca, oli di diversa provenienza, succo di limone, allume e pietra di Troyes erano le sostanze più utilizzate per smacchiare, mentre il bucato vero e proprio si faceva con la cenere, dal potere naturalmente disinfettante, e con l’urina, come nelle epoche più remote; per quanto possa far senso oggi, i panni venivano pure lasciati in ammollo direttamente nell’urina o in acqua e letame (!!), ma riutilizzati, ovviamente, solo dopo un abbondante e scrupoloso risciacquo.

Il sapone, assai costoso fino al ‘600, si diffuse su larga scala soltanto nella seconda metà del ‘700 (http://www.pilloledistoria.it/2853/storia-moderna/come-ci-si-lavava-come-si-faceva-bucato-nellantichita-sapone).

A volte i vestiti venivano puliti strofinandoli o battendoli con i piedi dentro le tinozze, tecnica molto in voga tra le donne irlandesi (Foto da: georgianagarden.blogspot.it).

 

By | 2014-10-26T03:28:21+00:00 ottobre 26th, 2014|Società Costumi Vita quotidiana, Storia Moderna|0 Commenti

About the Author:

Scrivi un commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: