///Uso (e Usi) dell’Olio d’Oliva in Italia nel ‘700. La Coltivazione dell’Olivo

Uso (e Usi) dell’Olio d’Oliva in Italia nel ‘700. La Coltivazione dell’Olivo

Lavorazione dell'olio in un antico frantoio. Nel '700 l'olio d'oliva italiano era il più rinomato d'Europa

Lavorazione dell’olio in un antico frantoio. Nel ‘700 l’olio d’oliva italiano era il più rinomato d’Europa

Dopo un lungo periodo di declino ( per varie ragioni) registrato nei secoli XIV e XV, l’uso dell’olio d’oliva tornò in auge nel ‘700, non soltanto in cucina, dove divenne di nuovo protagonista, ma anche in molti altri settori, in particolare quello industriale, che all’epoca era in forte espansione, domestico, per l’illuminazione degli ambienti, e medico, come attestano molti libri dell’epoca, nei quali l’olio d’oliva veniva consigliato per la cura del mal di testa, della stitichezza, in caso di avvelenamento e per svariati altri disturbi.

Nel corso del XVIII secolo pertanto, la coltivazione dell’olivo divenne  una delle principali risorse economiche d’Italia, terra particolarmente favorita dalla posizione geografica in pieno Mediterraneo; i Paesi del Nord Europa, impossibilitati a produrlo da sé a causa delle condizioni climatiche e territoriali inadatte, furono costretti a fare massiccia richiesta di olio d’oliva proprio all’Italia, che ne divenne la principale esportatrice.

Gli oli provenienti dalla Liguria e dalla costa ionica calabrese furono quelli che ottennero il maggior successo in assoluto, tanto da diventare i più rinomati nel Vecchio Continente per tutto il ‘700 (Foto da: fondazioneterradotranto.it).

By | 2014-10-16T07:16:14+00:00 ottobre 16th, 2014|Società Costumi Vita quotidiana, Storia Moderna|0 Commenti

About the Author:

Scrivi un commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: