///Firenze nel Medioevo: il Battesimo

Firenze nel Medioevo: il Battesimo

Battesimo di Isabella figlia di Carlo V il Saggio. Siamo in Francia, ma nello stesso periodo trattato in questo post, il '300

Battesimo di Isabella figlia di Carlo V il Saggio. Siamo in Francia, ma nello stesso periodo trattato in questo post, il ‘300

Il rito del battesimo assumeva un’importanza fondamentale nelle famiglie e nelle società medievali e Firenze non faceva eccezione.

Tra il 1200 e il 1300 il battesimo veniva di solito celebrato qualche giorno dopo la nascita del bambino, o la settimana successiva al massimo, nell’antico e bellissimo battistero situato nel centro della città; all’iniziale metodo dell‘immersione, non privo di rischi (ne dà una prova Dante in Inferno, XIX, 13-20), seguì quello meno temerario dell’aspersione, che consisteva nel versare acqua sulla fronte del piccolo.

Singolare il fatto che non esistesse all’epoca un vero e proprio registro per i battezzati, ma solo due urne in cui il prete deponeva una fava o una pallina, nera per i maschi, bianca per le femmine, secondo un sistema preso a prestito da quello di voto dei consigli della Repubblica, dove il nero equivaleva al si ed il bianco al no; non ne abbiamo la certezza, ma vista la considerazione assai diversa attribuita ai due sessi, possiamo supporre che le palline bianche indicassero le bimbe (Foto da: bdp.it).

 

 

By |2014-10-06T00:25:23+00:00Ott 6th, 2014|Medioevo, Società Costumi Vita Quotidiana|0 Commenti

About the Author:

Scrivi un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: