Fornai e Pane a Pompei

Fornai e pane in un affresco di Pompei

Fornai e pane in un affresco di Pompei

Gli affreschi di Pompei raccontano usi e costumi di migliaia di anni fa con molta più efficacia, probabilmente, di quanto potrebbero fare le parole.

L’immagine a fianco mostra un tipico momento di vita quotidiana nella città prima che la tragica eruzione del Vesuvio la inondasse di lava nel 79 d.C.: vi si vede un fornaio impegnato a vendere pane agli avventori.

Nel corso del II secolo a.C. il lavoro dei fornai iniziò man mano a sostituire la panificazione casalinga e nel I secolo a.C. a Pompei si potevano contare decine di forni perfettamente attivi, costituiti da grandi macine in pietra lavica azionate da schiavi o asini.

Il banco di vendita non era una costante dei panifici dell’epoca, che di solito si servivano di ambulanti.

Il pane, come si può notare, era venduto sotto forma di pagnotte in genere tonde (ma anche allungate) già suddivise in spicchi per facilitarne il taglio; un marchio impresso sulla superficie con un apposito stampo ne indicava il produttore.

La qualità del pane romano non era eccellente: duro e mal lievitato, a lungo venne preparato utilizzando esclusivamente farina di farro.

Per il pane di frumento bisognerà attendere il III secolo d.C (Foto da: ristonews.com).

By |2016-01-26T14:51:13+00:00settembre 4th, 2014|Roma, Società Costumi Vita quotidiana, Storia Antica|0 Commenti

About the Author:

Scrivi un commento

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: