////Antichi Romani: i Loro Stravaganti Preservativi

Antichi Romani: i Loro Stravaganti Preservativi


Antichi romani in atteggiamento intimo (da un affresco)

Antichi romani in atteggiamento intimo (da un affresco)

Spesso e volentieri impegnati nelle piacevoli pratiche dell'”ars amatoria“, i Romani avevano la necessità di porre un freno alle malattie veneree e alle gravidanze indesiderate.

Pratici e ingegnosi, i maschi potevano contare su preservativi che definire stravaganti o bizzarri è riduttivo.

Un preservativo piuttosto diffuso era quello realizzato con i peli della criniera di una mula; affinché esso fosse realmente efficace ed esplicasse persino un benefico potere contro gli spiriti maligni però, era indispensabile che i suddetti peli venissero intrecciati dagli amanti stessi, insieme.

Di sicuro più inquietante e macabro, anche se probabilmente meno scomodo, era il cosiddetto “preservativo della vittoria“, fatto con la pelle o i muscoli, preventivamente stesi e ammorbiditi nell’olio, dei nemici caduti in battaglia, un anticoncezionale che per i Romani era sinonimo stesso di virilità.

Infine c’era il preservativo realizzato con la guaina di vescica secca di capra: per tenerlo ben fermo e a posto bastava corredarlo di appositi legacci in cuoio o corda (Foto da: lagazzettapalermitana.it).

By |2017-12-16T13:31:02+00:00agosto 20th, 2014|Roma, Società Costumi Vita quotidiana, Storia Antica|0 Commenti

About the Author:

Scrivi un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: