///Storia della Cucina: il Biancomangiare

Storia della Cucina: il Biancomangiare

Il biancomangiare era una costante dei pasti medievali

Il biancomangiare era una costante dei pasti medievali

Per biancomangiare non si intende una specifica ricetta di cucina, bensì una preparazione generica dall’alto valore simbolico nata nel Medioevo, probabilmente in Francia, e diffusasi in Italia nell’XI secolo.

Il biancomangiare, che poteva essere sia dolce che salato, era una preparazione che si caratterizzava per la predominanza del colore bianco, sinonimo di candore per eccellenza, nell’aspetto; chi lo mangiava, introduceva dentro di sé luce e purezza.

Per realizzare il biancomangiare si aveva necessità, ovviamente, di ingredienti bianchi: lardo, riso, latte, mandorle e zucchero erano tra i più utilizzati in assoluto.

Nel corso dei secoli il biancomangiare assunse connotati diversi, specifici della zona, del periodo e dell’autore; in Italia ne fecero un largo impiego, declinandolo in numerose varianti, grandi cuochi come Messisbugo e Bartolomeo Scappi.

Questa preparazione gastronomica esiste ancora oggi, sebbene unicamente come piatto dolce e delicato, e soltanto in alcune regioni della nostra Penisola, ovvero Sardegna, Sicilia e Valle d’Aosta (Foto da: resorgentia.com).

 

By | 2014-06-06T17:30:23+00:00 giugno 6th, 2014|Medioevo, Società Costumi Vita Quotidiana|0 Commenti

About the Author:

Scrivi un commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: