Condanna e Morte di Socrate

"Morte di Socrate", Jacques-Louis David

“Morte di Socrate”, Jacques-Louis David

“Ormai è giunta l’ora di andarcene, io a morire e voi a vivere. Chi di noi avrà sorte migliore è occulto a tutti, tranne che al Dio” è la frase divenuta leggendaria con la quale Socrate, uno dei più grandi filosofi di ogni tempo, si congedò dai presenti, i grandi accusatori che ne avevano decretato la morte, e dal mondo.

Quello a Socrate è sicuramente il più famoso dei processi dell’Antica Grecia: celebrato nel 399 a.C., fu promosso da due eminenti politici ateniesi, Anito e Licone, che però si servirono di un prestanome, il giovane ed ambizioso poeta di belle speranze Meleto.

Durante il dibattimento, Socrate, accusato di corrompere i giovani e di non rispettare gli dei della tradizione, si difese con grande abilità e con la solita proverbiale ironia; quando gli fu concessa la possibilità di scegliere una pena alternativa alla morte, egli propose, asserendo di meritare un premio, di essere mantenuto a vita a spese dell’erario.

Ad una simile dichiarazione seguì, inevitabilmente, l’esecuzione della condanna: Socrate morì dopo aver bevuto da una coppa di cicuta (Foto da: www.artinvest2000.com).

 

 

By | 2014-06-03T15:11:18+00:00 giugno 3rd, 2014|Eventi Politica Personaggi, Grecia, Storia Antica|0 Commenti

About the Author:

Scrivi un commento

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: