////La Cucina dell’Antica Roma: le Carni Preferite

La Cucina dell’Antica Roma: le Carni Preferite

Le carni derivate dalla cacciagione erano amate dai Romani

Le carni derivate dalla cacciagione erano amate dai Romani

Nell’Antica Roma la carne era un alimento esclusivo dell’alimentazione dei ricchi, in quanto molto costosa e quindi considerata un genere di lusso.

Suini, ovini, volatili da cortile e selvaggina erano le carni predilette, soprattutto le oche, che venivano consumate in svariati modi, in particolare imbottite con fichi secchi oppure accompagnate dalla salsa apiciana (ideata dal grande “chef” Apicio), preparata con levistico, pepe, semi di coriandolo e menta tritati, olio e liquamen (http://www.pilloledistoria.it/1787/storia-antica/garum-liquamen-salsa-preferita-dai-romani).

Cinghiale e lepre arrostita o marinata erano anch’essi molto graditi, mentre una considerazione a parte merita il ghiro, il quale era addirittura allevato in appositi recipienti (gliraria) dove veniva fatto ingrassare al buio per essere poi cucinato farcito con polpette di maiale, pepe e laser, una spezia del passato da tempo scomparsa (Foto da: brunelli.it)

 

By | 2014-05-11T06:03:44+00:00 maggio 11th, 2014|Roma, Società Costumi Vita quotidiana, Storia Antica|0 Commenti

About the Author:

Scrivi un commento

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: