/, Eventi Politica Personaggi, Roma, Storia Antica/La Presunta Bisessualità di Giulio Cesare. La Storia con Nicomede

La Presunta Bisessualità di Giulio Cesare. La Storia con Nicomede

Giulio Cesare

Giulio Cesare

Sebbene non ve ne sia la certezza, sembra che Giulio Cesare, celebre anche per la presunta facilità con cui era capace di conquistare le donne che gli piacevano, fosse in realtà bisessuale.

Nonostante ben quattro mogli e le numerose amanti, compresa l’affascinante regina d’Egitto Cleopatra, le voci circa le sue preferenze sessuali si sprecavano e suscitavano ilarità anche tra i suoi fedelissimi soldati, che di lui dicevano, soprattutto durante la celebrazione dei trionfi, quando veniva loro concessa maggior libertà, “ecco il marito di tutte le mogli e la moglie di tutti i mariti”.

Suscitò notevole scandalo, in particolare, la relazione che Cesare intrattenne con Nicomede IV Filopatore, re di Bitinia, presso il quale si recò per chiedere l’invio di una flotta che potesse essere d’aiuto a quella romana nell’assedio di Mitilene; una volta ottenuto quanto desiderato, Cesare consegnò le navi ai suoi superiori, e adducendo una scusa che non convinse nessuno, tornò da Nicomede, diventando da allora per tutti la “Regina della Bitinia”.

In realtà i Romani non avevavo nulla contro l’omosessualità in sé, che anzi era molto frequente e accettata, ma quella “passiva”, come sarebbe stata in questo caso, soprattutto se dovuta ad uno scambio di “favori”, era considerata poco “virile” e quindi malvista (Foto da: lisadelgreco.blogspot.it)

 

 

About the Author:

2 Comments

  1. Stefano maggio 13, 2014 al 6:31 pm - Rispondi

    Molti uomini..che rivestono un ruolo di potere e di comando…di qualsiasi ceto sociale appartengano o qualsiasi carica che ricoprono,.mascherano la loro omosessalita’ …esternando un carattere da “duri”……..si rimane stupiti quando si scopre la realtà dei fatti….

    • Maria Paola Macioci maggio 13, 2014 al 7:54 pm - Rispondi

      L’omosessualità non era affatto malvista a Roma, ma in tal caso si trattava di una forma di sottomissione che i romani non consideravano affatto “virile”, ecco perché ironizzavano su Cesare

Scrivi un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: