///Dante Alighieri: la Tomba e le Vicissitudini del Corpo

Dante Alighieri: la Tomba e le Vicissitudini del Corpo

[lightbox link=”http://www.pilloledistoria.it/wp-content/uploads/2014/04/Dante_Alighieri_2.jpg” thumb=”http://www.pilloledistoria.it/wp-content/uploads/2014/04/Dante_Alighieri_2-300×225.jpg” width=”300″ align=”center” title=”Ritratto di Dante Alighieri” frame=”true” icon=”image” caption=”Ritratto di Dante Alighieri”]Tumultuosa fu la sua vita e altrettanto la sua morte, potremmo affermare riferendoci a Dante Alighieri, sommo poeta e padre della lingua italiana.

La vicenda è nota: esiliato da Firenze, sua amatissima città natale, per ragioni politiche, Dante morì nel 1321 a Ravenna, dove era ospite dell’amico Guido Novello da Polenta, e lì venne sepolto all’esterno del chiostro della Basilica di San Francesco, dove tuttavia era ancora ben lontano dal trovar pace.

Le vicissitudini riguardanti i resti del poeta ebbero inizio nel Rinascimento, quando Firenze, le cui condizioni politiche e sociali erano ormai radicalmente cambiate rispetto all’epoca in cui vi era vissuto l’autore della Divina Commedia, chiese ufficialmente la restituzione della salma alla città emiliana, dando inizio ad una querelle protrattasi per secoli e forse mai veramente risolta.

Quando nel 1519 papa Leone X, al secolo Giovanni de’ Medici, figlio di Lorenzo il Magnifico, autorizzò il rientro delle ossa nel capoluogo toscano, i francescani, per impedire che ciò avvenisse, le trafugarono e le nascosero per lungo tempo.

Nel 1781, Dante potette finalmente tornare a riposare in un luogo più consono, ovvero il piccolo mausoleo fatto erigere appositamente per lui dal Cardinale Luigi Valente Gonzaga (1725-1808), dall’architetto incaricato Camillo Morigia (1743-1795), una costruzione in stile neoclassico, a pianta quadrata e sormontata da una cupola.

Nel 1810, dopo la soppressione degli ordini religiosi voluta da Napoleone Bonaparte, allo scopo di proteggerla, l’urna con i resti del letterato fu murata nel chiostro e ritrovata casualmente solo nel 1865, ma non era ancora finita, perché per timore dei bombardamenti, durante la Seconda Guerra Mondiale, per un anno, dal 1944 al 1945, essa venne interrata.

Nel frattempo, nel 1829, sempre nella vana speranza di una sua restituzione, Firenze aveva fatto edificare per il figlio che tanta ed imperitura gloria le aveva donato, un maestoso cenotafio, che ancora oggi possiamo ammirare all’interno della Chiesa di Santa Croce, dove sembra in perenne attesa del suo illustre ospite (Foto da: cultura.biografieonline.it  e lucamaggio.wordpress.com). [lightbox link=”http://www.pilloledistoria.it/wp-content/uploads/2014/04/ravenna_tomba-di-dante-alighieri.jpg” thumb=”http://www.pilloledistoria.it/wp-content/uploads/2014/04/ravenna_tomba-di-dante-alighieri-211×300.jpg” width=”211″ align=”center” title=”Tomba di Dante a Ravenna” frame=”true” icon=”image” caption=”Tomba di Dante a Ravenna”] 

 

 

 

By | 2014-04-29T07:44:07+00:00 aprile 29th, 2014|Eventi Politica Personaggi, Medioevo|0 Commenti

About the Author:

Scrivi un commento

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: