////Rimedi per l’Alito Cattivo nell’Antica Roma

Rimedi per l’Alito Cattivo nell’Antica Roma

Che gli antichi romani fossero delle buone forchette è un fatto accertato, così come è nota la gran quantità di tempo che impiegavano nella cura del corpo, peccato che a volte queste due caratteristiche finissero per cozzare l’una contro l’altra, poiché gli abituali pasti a base di infinite portate e fiumi di vino, portavano spesso con sé una certa pesantezza di stomaco e…di alito.

Da qui l’uso quasi maniacale di pastiglie profumate per la bocca (http://www.pilloledistoria.it/1936/storia-antica/ligiene-orale-nellantica-roma-si-lavavano-i-denti-i-romani).

Viene da pensare che costituisse quasi un problema “sociale” quello dell’alito cattivo, se persino uno scrittore serio come Plinio il Vecchio si preoccupò di elargire consigli in merito, elencando rimedi a dir poco strampalati ma, a suo dire, efficaci: cenere di testa di lepre, cenere di denti d’asina, polvere di corna di cervo, pietra pomice e latte d’asina.

Non possiamo sapere se e quanto questi preparati si rivelassero realmente utili per conservare una bocca fresca e profumata, ma la fonte era certamente fra le più autorevoli di Roma (Foto da: wikipedia.org).

By |2018-11-12T23:21:09+00:00aprile 24th, 2014|Roma, Società Costumi Vita quotidiana, Storia Antica|0 Commenti

About the Author:

Scrivi un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: