////La Tintura dei Capelli nell’Antica Roma

La Tintura dei Capelli nell’Antica Roma

Pettinature femminili nell'Antica Roma

Pettinature femminili nell’Antica Roma

Uomini e donne dell’Antica Roma tenevano molto all’aspetto fisico: cercavano di mantenersi in forma, curavano l’igiene come pochi altri popoli del passato e davano importanza all’abbigliamento e alle acconciature, divertendosi anche a tingere i capelli.

Proprio così: la tintura dei capelli, che era utile a coprire i fili d’argento e a mascherare i segni dell’età, rappresentava per le donne un vezzo irrinunciabile, che consentiva loro di cambiare aspetto e sentirsi più belle.

I colori preferiti erano più o meno gli stessi di oggi, il nero, il biondo e il rosso, ma assumevano all’epoca un significato simbolico di cui tener conto e al quale bisognava prestare attenzione per non correre il rischio di essere fraintese.

Una particolare gradazione di biondo ad esempio, quella tendente al giallo carota, era considerata adatta solo alle cortigiane ed era sinonimo di “donna facile”; le cortigiane potevano spingersi oltre nel colore dei capelli, osando persino il blu.

Le tinte per capelli venivano realizzate mescolando ingredienti naturali, sebbene non sempre innocui: ne parleremo dettagliatamente nei prossimi post.

 

By | 2014-04-07T21:00:58+00:00 aprile 7th, 2014|Roma, Società Costumi Vita quotidiana, Storia Antica|0 Commenti

About the Author:

Scrivi un commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: