morte di Raffaello

La morte di Raffaello in un dipinto

Della morte di Raffaello Sanzio, il grande pittore italiano, ho già parlato in questo post: http://www.pilloledistoria.it/10835/storia-moderna/raffaello-mori-a-causa-di-eccessi-amorosi.

Secondo Giorgio Vasari, egli perì a causa di “eccessi amorosi”, un’espressione che molto probabilmente stava ad indicare una malattia venerea.

L’artista scomparve il 6 Aprile 1520, nel giorno del suo trentasettesimo compleanno.

La causa fu davvero una patologia, probabilmente la sifilide?

In realtà, soprattutto nel XVIII secolo, prese corpo un’altra ipotesi, quella dell’avvelenamento.

Ma chi avrebbe potuto desiderare la morte di Raffaello al punto da arrivare ad ucciderlo?

L’eventuale colpevole fu identificato in Sebastiano Del Piombo, grande rivale del pittore e tremendamente geloso di lui, che all’epoca era al massimo del suo successo.

Non esisteva corte o signore che non desiderasse avvalersi del talento straordinario di Raffaello.

Possono dunque, la fama e la gloria, essergli costate addirittura la vita?

Una circostanza appare in proposito piuttosto inquietante.

Al momento della morte, l’urbinate stava lavorando alla Trasfigurazione, un’opera che Giuliano De Medici aveva commissionato sia a lui che a Del Piombo.

La tela rimase incompiuta e fu ritrovata (pare) sul letto.

Non basta.

Le fonti dicono che alla riesumazione della salma del pittore, nel 1722, furono rinvenute chiare tracce di avvelenamento da arsenico.

Bastano questi pochi elementi per stabilire con sicurezza le cause della morte di Raffaello?

L’unica cosa certa è che quest’anno ricorre il cinquecentenario dell’evento e ci auguriamo che l’Italia lo celebri come si deve (Foto da: la-morte-di-raffaello-da-urbino.blogspot.com).