Ladislao I di Napoli

Ritratto di Ladislao I di Napoli

Come morì veramente Ladislao I di Napoli, detto il Magnanimo?

Fu vittima di una malattia, come la versione ufficiale vuole, oppure di un assassinio con risvolti osé?

Ufficialmente la causa del prematuro decesso fu un’infezione alla prostata, probabilmente dovuta alla sua ben nota promiscuità sessuale.

Tuttavia esiste anche una leggenda a riguardo che potrebbe avere un fondo di verità.

Ladislao I di Napoli aveva il terrore di essere avvelenato e per scongiurare qualsiasi pericolo faceva assaggiare il cibo e le bevande a lui destinate a qualcun altro prima di lui.

Il re non aveva torto, in effetti.

Nelle corti del ‘400 e del ‘500 il veleno divenne l’arma più utilizzata per eliminare personaggi di spicco, politici e nemici in genere.

Del resto il veleno non lasciava tracce e risalire al colpevole era molto difficile.

Per scampare al costante pericolo si diffuse l’abitudine di avere un assaggiatore (vedi anche http://www.pilloledistoria.it/12580/storia-moderna/assaggiatore-veleno).

In pratica chi temeva di essere un bersaglio, prima di ingoiare qualunque cosa, la faceva assaggiare ad una persona preposta: se il malcapitato non moriva in pochi istanti, il cibo e/o le bevande non erano contaminate.

Ladislao I morì nel 1414, a 38 anni, dopo un focoso incontro con una sua amante di Perugia.

Si disse che i genitali della donna fossero cosparsi di una sostanza letale.

Non avendo la possibilità di raggiungere lo scopo in altri modi, gli avversari avrebbero pensato bene di infettare l’unica cosa che il diffidente monarca non si sarebbe mai sognato di far testare (Foto da: vesuviolive.it).