Essere Magre in Epoca Vittoriana

magre

Donne di epoca vittoriana. Essere magre era un imperativo di bellezza al quale non si poteva sfuggire

Ogni periodo storico ha i propri canoni estetici, ma la magrezza, quasi sempre, è un imperativo al quale è difficile sfuggire.

Era così anche per la donna di epoca vittoriana, che doveva mantenersi il più possibile snella anche per potersi permettere di entrare nei rigidi e strettissimi corsetti che la moda di allora prevedeva.

Nell’Inghilterra ottocentesca dunque, quando sul trono del Paese sedeva la grande e mai dimenticata regina Vittoria, la donna ideale era magra, pallida, di aspetto emaciato e quasi esangue.

Di certo non doveva essere facile conformarsi a standard tanto inflessibili e così ci si sottoponeva a regimi alimentari a dir poco deprimenti, con una dieta di base che prevedeva il solo consumo di verdure e pesce bolliti e farina con la muffa.

Non propriamente una goduria, ma utile, evidentemente, a mantenere quella silhouette invidiabile a cui, pare, le signore non erano disposte a rinunciare per nessuna ragione al mondo (Foto da: istockphoto.com).

About the Author:

Scrivi un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: