Le “Culottes”

le culottes

Un nobile francese del ‘700 con indosso le culottes

Un capo d’abbigliamento tipico della moda maschile settecentesca a ridosso della Rivoluzione Francese furono le culottes, come già scritto in questo post http://www.pilloledistoria.it/8234/storia-moderna/come-vestiva-un-nobile-francese-del-700.

Ma come erano fatte, precisamente, le culottes e in che modo si portavano?

Si trattava di eleganti calzoni corti, che si chiudevano poco più su del ginocchio con una fila di preziosi bottoni per lasciare totalmente in vista le sottostanti calze di seta lucida e pregiata (oltre che costosa).

A completare la mise non potevano mancare le graziose scarpe a punta, corredate di tacco e grossa fibbia (spesso un vero e proprio gioiello).

Era questo il modo di vestire tipico dei gentiluomini più conservatori, fedeli ai dettami della moda in vigore fin dall’epoca di Luigi XIV.

Di lì a poco tuttavia, la furia rivoluzionaria avrebbe sconvolto e radicalmente mutato non solo la condizione politica e sociale del Paese, ma anche le abitudini di vita quotidiana dei cittadini, compreso il modo di vestire; non a caso una delle frange più estremiste e violente dei ribelli, si chiamò orgogliosamente sanculottes, ovvero “senza culottes”, proprio per il fatto di non indossare, con ostentato vanto, un indumento considerato tipico degli aristocratici (Foto da: baroque.it).

 

By | 2018-01-14T22:35:45+00:00 gennaio 14th, 2018|Società Costumi Vita quotidiana, Storia Moderna|0 Commenti

About the Author:

Scrivi un commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: